Espugnata Bologna!

11205173_928176080567449_2387416572952712102_n

Anche la Dieci Colli bolognese del primo maggio è archiviata. E finisce così nel nostro palmares delle “prove superate”.

Esperienza faticosa ma divertente: lo diceva persino il sito ufficiale della granfondo, il percorso era per “gente tosta”. Infatti i 175 km previsti, con 3000 mt di dislivello, avevano tutta un’altra faccia: rispetto agli altri anni il senso di marcia era invertito, cosa che ha reso la prova decisamente più impegnativa (e con molte più salite!)

Le aspettative non sono state tradite, alcuni tratti erano veramente duri e raggiungevano addirittura pendenze al 21%.

Ma Gianluigi ed io siamo ben consapevoli, e l’abbiamo dichiarato sin dall’inizio, che il nostro unico obiettivo è terminare la gara. Quindi andiamo con il nostro ritmo, ci rifocilliamo ai ristori, ammiriamo il paesaggio, ci facciamo due chiacchiere, poi ricominciamo a pedalare di buona lena e…. alla fine tagliamo il traguardo. Questa volta pochi minuti prima del CT della Nazionale Davide Cassani. Bel colpo!

Questa ulteriore prova è stata utilissima anche per continuare a testare la mia preparazione e l’efficacia degli allenamenti: fatica e sacrifici stanno dando i loro frutti. Nelle lunghe distanze sto progressivamente imparando a gestire le energie e a dosare l’alimentazione. La Nove Colli non mi coglierà impreparato!

Un ringraziamento particolare va agli organizzatori della manifestazione bolognese, che si sono dimostrati molto sensibili alla diffusione del nostro messaggio di sensibilizzazione alla donazione e di ritorno allo sport dopo l’esperienza del trapianto. Grazie alla loro disponibilità, la redazione regionale RAI ci ha dedicato un preziosissimo spazio nel TGR delle 19.30, cogliendo appieno il significato della nostra partecipazione alla Dieci Colli.

Prossimi appuntamenti: la granfondo Colnago di Desenzano del Garda del 17 maggio, da sfruttare come allenamento e poi…..lei, la Regina delle granfondo, la più lunga, la più partecipata, la più ambita dai cicloamatori di tutta Italia. I 200 km della Nove Colli di Cesenatico ci attendono implacabili domenica 24 maggio.

Annunci

Maggio di fuoco su due ruote

FullSizeRenderE alla fine arriva maggio.

Con la Dieci Colli di Bologna si apre il mese “terribile” delle granfondo, tanto atteso ma anche temuto: il calendario si fa fitto di impegni, lentamente si raggiunge la forma fisica ideale, necessaria per affrontare i 175 km con 3000 mt di dislivello della Dieci Colli del primo maggio, ma soprattutto in vista dei 200 km della Nove Colli di Cesenatico il 24 maggio.

Bologna è un test importante per verificare la tenuta, fisica e mentale, della propria condizione: arrivano a maturazione le fatiche delle settimane precedenti, e si consolida la preparazione base per affrontare al meglio gli appuntamenti che verranno a maggio e giugno. Un percorso impegnativo, per dirla con le parole degli organizzatori “…per gente tosta…”, a maggior ragione proprio quest’anno arriviamo Gianluigi ed io, e il tracciato viene rivoluzionato invertendo il senso di marcia… Come si legge sul sito ufficiale della manifestazione “per rendere ancora più stimolante la competizione, aumentando la difficoltà rispetto alle precedenti edizioni”!

Ma accogliamo la sfida di buon grado, anche perché la Dieci Colli ci appoggia e ci sostiene da quando abbiamo deciso di intraprendere il cammino del Prestigio: “IVANO, GIANLUIGI E UN MESSAGGIO DI SPERANZA: UNA DIECI COLLI DI CUORE E PASSIONE”, ecco il titolo di un comunicato diffuso dall’ufficio stampa della granfondo.

Per puro divertimento, ho inserito nella programmazione di maggio anche la partecipazione alla granfondo Colnago di Desenzano del Garda del 17 maggio: ogni anno, con un piccolo gruppo di amici trapiantati, accogliamo l’invito degli organizzatori a pedalare tra le bellezze del paesaggio del Lago di Garda.

Anche qui ci sarà una novità nel tracciato: niente più saliscendi nell’entroterra tra le dolci colline moreniche, ma percorso esclusivamente lungo la sponda bresciana del lago. Saremo impegnati nel percorso medio di 110 km con 1400 mt di dislivello.

E’ un’occasione per ritrovarci e scambiare due chiacchiere, un’ulteriore vetrina che ci permette di testimoniare il nostro messaggio a favore della donazione di organi e di ritorno a una vita normale dopo l’esperienza del trapianto.

Anche voi potete sostenere e seguire la nostra sfida: domani, per concludere al meglio gli allenamenti di aprile e iniziare maggio col piede giusto, uscirà la seconda puntata della nostra webserie “Di nuovo in Pista. Non perdetevela!